AUTOFATTURA COSA E' CAMBIATO DAL 1 GENNAIO 2022

La Legge di Bilancio 2021 ha stabilito la data del 1 gennaio 2022 per l’obbligatorietà della trasmissione al Sistema di Interscambio dell’autofattura relativa al reverse charge interno, mentre il Decreto Fiscale legato alla Legge di Bilancio 2022 ha posticipato la data al 1 luglio 2022 per l’autofattura o integrazione delle fatture da e verso l’estero

Di seguito, comprendiamo meglio cosa fare:

OPERAZIONI ESTERO

Per l’autofattura reverse charge per l'estero resterà valida l’opzione di emettere il documento in forma cartacea fino al 30 giugno, successivamente sarà obbligatorio l'invio tramite il SdI:

• le fatture attive dovranno essere emesse verso soggetti esteri entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione;

• per le fatture passive ricevute da soggetti esteri occorrerà emettere l’integrazione o l’autofattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui sono stati ricevuti i documenti che provano l’effettuazione dell’operazione.

OPERAZIONI REVERSE CHARGE

Dal 1 gennaio 2022 in tutti i casi nei quali oggi si applica il Reverse Charge (edilizia, pulizia, etc.) il fornitore emette una fattura elettronica (con codice Tipodocumento TD01 o TD02 o TD24) con uno dei nuovi codici N6 (da N6.1 a N6.9 a seconda del settore interessato), il destinatario della fattura deve emettere un’autofattura integrativa dell’aliquota IVA e l’imposta dovuta, che transiterà dal Sistema di Interscambio.